Cos’è l’alienazione

Il termine “alienazione” nasce per la prima volta nell’ambito della filosofia di Hegel e ripreso successivamente dalla sinistra hegeliana fra cui Marx. Che cos’è l’alienazione per Marx ? E’ semplicemente la separazione operata dal capitalismo fra “valore d’uso” e “valore di scambio”.

L’attività lavorativa umana ha sempre avuto come scopo quello di procurare all’uomo stesso i mezzi necessari alla sopravvivenza. La priorità delle necessità da perseguire, come indica la celebre “scala di Manslow”, pone al primo posto i bisogni materiali ossia cibo, casa, indumenti, etc. In generale è chiaro che se le necessità materiali non sono prioritariamente soddisfatte, nemmeno quelle psicofisiche o spirituali possono essere conseguite. E’ difficile che un uomo che ha il grosso problema di garantirsi la sopravvivenza biologica, in quanto manca di cibo, acqua, casa , etc possa pensare di elevarsi culturalmente e psicologicamente leggendo un libro o andando al cinema. Per questo l’uomo, dice Marx, si è sempre fabbricato da se’ gli oggetti che servono a soddisfare i suoi bisogni estraendo dalla natura i materiali necessari a questo fine.

Col capitalismo invece cosa succede? Succede che il valore d’uso degli oggetti, ossia gli oggetti che l’uomo fabbrica o coltiva da se’ con i propri mezzi di produzione, viene sostituito dal valore di scambio. L’individuo non fabbrica più cose che servono a se’ ma oggetti che servono ad altri, in quanto non più proprietario dei mezzi di produzione. Che poi possa procurarsi cibo, casa e indumenti col denaro guadagnato lavorando, non fa differenza, perché resta il fatto fondamentale che non produce più ciò che gli serve. e quindi la sua dimensione di uomo che bada a se stesso e quindi è autosufficiente, viene umiliata. In altri termini la scaletta delle priorità di cui sopra, viene alterata: non si fabbricano più prioritariamente le cose più utili a se stessi, ma bensì quelle più redditizie per chi detiene i mezzi i produzione. L’individuo non è più in grado di fabbricare da se’ gli oggetti di cui necessita, perché non detiene più la proprietà degli strumenti indispensabili a quella fabbricazione. A questo punto l’individuo è doppiamente alienato: dalle sue necessità primarie dal punto di vista materiale e dalla sua propria evoluzione psicologica e intellettuale da un punto di vista spirituale. Oggi accanto al primo aspetto, si evidenzia sempre più anche il secondo: separato dai mezzi di produzione e oppresso dalle necessità materiali che lo schiacciano, il lavoratore è anche separato dalla possibilità di compiere ( non di realizzare ma di compiere ) se stesso, cioè di assecondare la propria “vocazione” ossia la propria crescita interiore. L’individuo, il lavoratore, oggi non può più scegliere se stesso ma è costretto, competendo con altri lavoratori, come vuole il sistema, a farsi scegliere da un entità anonima, invisibile, demiurgica, apparentemente onnipotente nel determinare il destino del singolo, ma soprattutto alienante:il mercato del lavoro capitalistico.

Questo fatto è di una portata epocale, perché il lavoratore che non può realizzarsi materialmente, non può nemmeno compiersi psicologicamente, intellettualmente, spiritualmente: si tratta dell’estremo pericolo, perché un uomo impossibilitato a compiersi, è un uomo alienato da se stesso e quindi dalla propria umanità. Fenomeni come l’evasione nei rifugi della droga, dell’ alcool, della pornografia, dell’abbrutimento morale e intellettuale, della depressione nascono dalla frustrazione e mancanza di senso, prodotti dall’ alienazione. Che, ci si domanda se non sia volutamente indotta, per rendere i lavoratori sempre più poveri, incolti e quindi gestibili e manipolabili a piacimento.

758 Visite totali, 1 visite odierne

One thought on “Cos’è l’alienazione

  1. L’analisi marxiana ci aiuta a comprendere quale tipo di manipolazione subisca ancora oggi l’umanità per mano del capitalismo, con l’aggravante dell’aumento della povertà materiale dei lavoratori e della miseria dei paesi del terzo e quarto mondo, flagellati da guerre e carestie.
    Fino a quando compagni?!?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *