W die Linke!

Se la Sinistra Arcobaleno è naufragata, anzi non è proprio entrata in Parlamento, die Linke, la nuova formazione dell’ estrema sinistra tedesca, nata dall’ aggregazione del Pds (l’ex partito comunista della D,D,R.) , dei dissidenti della Spd. guidati da Lafontaine e di alcuni esponenti dei Verdi, è viva e vegeta: alle ultime elezioni politiche del 2005 ha raggiunto l’ 8,7% dei voti.
Ciò significa, che ora, che la vecchia sinistra non c’è più, almeno in Parlamento, ne possiamo costruire una nuova a partire dalle sue ceneri.
Certo ci vorrà un grande sforzo di umiltà da parte di tutti, leader e militanti, ma non è vero che non c’è più niente da fare e che “dobbiamo metterci una pietra sopra”.
Come die Linke è riuscita a trovare uno spazio alla sinistra dell’ Spd, cosi l’impresa può riuscire ad una nuova aggregazione dell’estrema sinistra italiana, a condizione che si abbandonino le pratiche di rivalità da piccoli leader e l’ostinato istinto di autoconservazione dei dirigenti politici che ci hanno portato alla disfatta.
Il vuoto che si è apre alla sinistra del Pd è enorme: c’è la battaglia contro il lavoro precario giovanile e dei lavoratori over 40 ed over 50, per ridare a tutti un’ occupazione stabile e alla fine una pensione dignitosa; c’è la battaglia contro la speculazione immobiliare, per imporre la costruzione di un numero adeguato di case popolari…
Dobbiamo ricostruire la Sinistra ripartendo dal rapporto con la gente nei quartieri e nei paesi, con i lavoratori precari giovani e maturi in primis, con i disoccupati e con i pensionati, e ritornare a manifestare nelle piazze!
Berlusconi e Montezemolo non hanno ancora vinto.
Non vinceranno, se noi non ci arrendiamo!

601 Visite totali, 1 visite odierne

One thought on “W die Linke!

  1. Ciao!Devo ammettere che, dopo decenni di militanza, ormai c’è chi è riuscito a sventolare così bene le nostre bandiere, da essere molto credibile. Per poi farsi i propri conti in tasca. Ricordo un Bertinotti infervorato coi precari dei call center, e poi si è seduto come gli altri.Ma certi tipi c’erano pure in Fgci.Uno me lo sono pure sposato.Purtroppo.Dalla base. Ricominciamo esclusivamente da quella. Visto che la classe lavoratrice a basso redditto dice di non potersi più permettere l’ostruzionismo fine a se stesso dei nostri dirigenti di partito. Vogliamo ancora ammetterli nel girone dei comunisti?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *