Autunno caldo

E l’ 11 ottobre Ferrando va in piazza: “Corteo unitario”

«Il Partito comunista dei lavoratori propone di dare un seguito concreto alle diverse disponibilità espresse a favore di una grande manifestazione unitaria della sinistra, in autunno, contro il governo Berlusconi». Marco Ferrando dà inizio alle danze. Se il congresso nazionale di Rifondazione comunista si è chiuso con la mozione di maggioranza che propone un nuovo 20 ottobre, il Partito comunista dei lavoratori ha già in testa i dettagli dell’appuntamento: «Proponiamo pubblicamente – aggiunge Ferrando – una data possibile: l’11 ottobre. E proponiamo l’immediata costituzione di un comitato promotore unitario della manifestazione, aperto al coinvolgimento di tutte le forze disponibili della sinistra, politiche, sindacali, associative». «Non capiremmo francamente ulteriori attendismi – continua Ferrando – Quando avanzammo la proposta di una manifestazione della sinistra contro Berlusconi era la fine di maggio. Se fosse stata accolta allora, avremmo tutti evitato di lasciare campo libero a Di Pietro. Ora si sono finalmente conclusi i congressi di Pdci e Prc, che hanno rilanciato la proposta». «Si tratta di concretizzarla – conclude – a partire dalla definizione della data, se non si vuole regalare l’apertura dell’autunno al Pd di Veltroni-Colaninno. In ogni caso il Pcl promuoverà da subito i primi contatti con Prc e Pdci per preparare insieme l’iniziativa».
Rifondazione e Comunisti italiani al momento non rispondono. Eppure che un corteo ad ottobre si farà lo danno tutti per scontato. Di certo Ferrando ha curato al dettaglio i rapporti col Prc: a Chianciano è stato ospite fisso per tutto il congresso.

da il Manifesto del 30 luglio 2008

331 Visite totali, 1 visite odierne

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *