Via Berlusconi, no al centrosinistra, governino i lavoratori!

Il governo Berlusconi sta procedendo ad un attacco durissimo contro il mondo del lavoro, senza incontrare una reale opposizione.
Si colpiscono i salari. Si estende la precarizzazione del lavoro. Si punta alla distruzione del contratto nazionale. Si porta a sanità e scuola pubblica un attacco mai conosciuto in precedenza. Si vorrebbe regalare il trasporto pubblico alle cordate dei capitalisti mettendo su una strada decine di migliaia di lavoratori. E intanto si cerca di alimentare la guerra tra i poveri con odiose politiche xenofobe.
Eppure manca l’opposizione.
Il PD di Veltroni, Calearo, Colaninno non vuole e non può opporsi a un governo Berlusconi che è oggi sostenuto da quella grande borghesia “amica” (Colaninno, Banca Intesa..) che il PD si candida a rappresentare.
Le sinistre Arcobaleno che in cambio di ministri avevano votato le finanziarie di Prodi e Confindustria, ora giustamente denunciano un governo che riprende e aggrava quelle politiche: ma non avanzano alcuna reale proposta generale di azione.
Così non si può andare avanti.
Grandi sono le responsabilità della CGIL. I suoi vertici dirigenti non solo non hanno promosso in questi mesi alcuna mobilitazione ma hanno continuato a negoziare con Berlusconi e Confindustria sulla manomissione del contratto nazionale. Subendo, ciò nonostante, una campagna di criminalizzazione della CGIL che mira alla sua resa incondizionata.
E’ necessaria una svolta. La CGIL rompa una volta per tutte con Confindustria e Governo e si ponga sul terreno di una reale mobilitazione di massa. E’ l’unica via per costruire un argine all’offensiva reazionaria e strappare risultati.
Il PCL – unico partito della sinistra a opporsi coerentemente al governo Prodi – rivendica una lotta radicale contro il governo Berlusconi per la sua cacciata. E propone un fronte unico d’azione tra tutte le forze politiche e sindacali del movimento operaio che scelgano di stare dalla parte dei lavoratori, su una piattaforma di vertenza generale del mondo del lavoro .Per uno sciopero generale vero, non simbolico, che punti a piegare governo e Confindustria con una lotta prolungata “alla francese”. Chiediamo a tal fine la convocazione di una grande assemblea nazionale intercategoriale dei delegati.

Per un aumento generale dei salari di 300 euro netti
Per la cancellazione di tutte le leggi di precarizzazione del lavoro
Per un salario minimo di 1300 euro e un salario di 1000 euro per i disoccupati
Per la parità di diritti di lavoratori italiani e migranti
Per un grande investimento in scuola, sanità, trasporti, sotto controllo popolare
Per la nazionalizzazione, sotto controllo operaio, delle aziende che licenziano, inquinano, causano omicidi bianchi
Paghi chi non ha mai pagato: grandi profitti, spese militari, privilegi clericali

A 40 anni dall’autunno caldo, occorre ripartire da una piattaforma di svolta: in piena autonomia dal centrosinistra, per aprire la prospettiva di un governo dei lavoratori che cacci le vecchie classi dirigenti.
Il PCL – la sinistra che non tradisce – è nato per battersi per questo programma, senza altro interesse che la sua realizzazione.

PARTITO COMUNISTA DEI LAVORATORI

dal sito del Partito comunista dei lavoratori in data 25 settembre 2008

183 Visite totali, nessuna visita odierna

Il Dominio degli estranei di Ilvo Diamanti

Non è facile percepire quanto sia cambiato il mondo intorno a noi, in poco tempo. Non il Mondo. Ma il “piccolo” mondo che ci circonda. Il territorio. Il nostro paese, la nostra città, il nostro quartiere, le case e le strade vicino a casa nostra. E’ avvenuto tutto in fretta, negli ultimi anni, anzi, negli ultimi decenni. I nostri occhi si sono abituati a vedere scomparire gli spazi, l’ orizzonte. Si sono abituati a non vedere. Per cui “non” vediamo più, senza rendercene conto.
D’ altronde, la casa è una vocazione nazionale. L’ Italia: Paese di piccoli paesi, un Paese di compaesani (come lo ha definito, con una formula felice, il sociologo Paolo Segatti). Ha sempre inseguito il mito della “casa”. Luogo e, al tempo stesso, simbolo di una società centrata sulla famiglia. Dove le case si trasmettono per via generazionale, dai genitori ai figli.
Una società, per questo, “stabile”, quasi immobile, anzi: immobiliare (abbiamo detto, in altre occasioni). Per cui la dilatazione edilizia non ci ha spaventati. Ci è sembrata naturale. Una casa per ogni famiglia. E per ogni figlio, se possibile. Non ci siamo accorti, anche per questo, del cambiamento intorno a noi. E, comunque, ci siamo abituati. L’ abbiamo percepito come un costo necessario.
D’altronde, tutto ha un prezzo e non si può pretendere di conquistare il benessere, se non la ricchezza, senza rinunciare a qualcosa. Un pezzo di paesaggio, un frammento di ambiente, un metro di territorio, un po’ d’aria, un angolo di orizzonte. E, via via, una cerchia di relazioni personali e sociali, una scheggia di vita quotidiana. Fino a ritrovarsi racchiusi in una nicchia, da soli in mezzo agli altri. Continue reading

231 Visite totali, nessuna visita odierna

India, la fabbrica licenzia 200 operai. I lavoratori linciano l’amministratore

I quotidiani indiani l’hanno etichettato come uno dei peggiori esempi di violenza sul luogo di lavoro. Protagonista, suo malgrado, un’azienda italiana che ha delocalizzato parte dei propri impianti in India nella zona di Greater Noida: la Giuliano Trasmissioni – ora diventata Oerlikon Graziano. La società con sede a Rivoli, nel torinese, è leader nel settore dei componenti per la trasmissione di potenza.
Ieri mattina circa duecento lavoratori recentemente licenziati dall’impresa hanno prima circondato la fabbrica e poi letteralmente ammazzato di botte l’amministratore delegato indiano della fabbrica. Secondo alcuni impiegati della Graziano, la folla ha «distrutto circa 20 auto presenti nel parcheggio all’interno dello stabile. Quando poi è uscito il responsabile, Lalit Kishore Chaudhary, è stato prima malmenato dagli astanti e poi colpito a morte con un martello». Chaudhary è stato immediatamente portato al locale ospedale Kailash, dove i dottori ne hanno constatato il decesso. Oltre a lui, sono almeno 50 gli impiegati rimasti feriti. 44 sono dovuti ricorrere a cure mediche, dieci sono ancora ricoverati in terapia intensiva. Se la sono vista brutta anche cinque consulenti italiani, in visita allo stabilimento, che hanno chiesto di essere risparmiati dalla folla inferocita.
La fabbrica è stata costruita nel 1998 e dal 2000 produce componenti per la trasmissione.
Subito dopo la notizia sono scoppiate le polemiche sul mancato intervento della polizia per salvare l’amministratore. Nonostante le chiamate da parte dei vertici della Graziano, le forze dell’ordine sarebbero arrivate in loco solo un’ora dopo l’inizio del brutale linciaggio. Sollecitati dall’ambasciata italiana a Nuova Dehli, gli agenti avrebbero provveduto all’arresto di 63 persone per omicidio e saccheggio. La polizia ha rinvenuto l’arma del delitto, ma non l’ha posta sotto sequestro.
La radici della violenza esplosa ieri risalgono a tre mesi fa, quando la società italiana ha deciso di chiudere parte della propria produzione indiana. Circa 200 lavoratori sono stati mandati a casa senza tanti complimenti. La Graziano aveva annunciato il licenziamento di 15 persone, mentre gli altri dovevano essere reintegrati; le cose sono però andarte in modo diverso. Secondo fonti della società citate dall’ India Times , «alcuni lavoratori erano venuti per rinegoziare i termini del loro impiego, ma non erano pronti ad accettare alcune condizioni ed hanno cominciato un sit-in.
Contro di loro era stata spiccata un’ingiunzione che gli impediva di avvicinarsi a 300 metri dalla fabbrica». Lalit Kishore Chaudhary lascia la moglie ed un figlio.

da Liberazione del 24 settembre 2008

220 Visite totali, nessuna visita odierna

La Chiesa: medico cura te stesso

Buongiorno,

qualche settimana fa il neosindaco di Roma Alemanno ha emesso un provvedimento contro i clochard che rovistano nella monnezza per tutelare il decoro della città. Prontamente il sindaco di Como ha replicato in modo ancora più disumano, e non era facile, il provvedimento stabilendo multe da 50 a 500 euro per i clochard sorpresi a chiedere l’elemosina.

Allora io faccio alcune considerazioni. In primo luogo tale provvedimento di chiara matrice aziendalista è peggiore della legge anti vagabondaggio del ventennio fascista. Infatti se durante il fascismo era vietato vagabondare è altrettanto vero che furono instituite mense e ricoveri di stato per i senza fissa dimora. In secondo luogo le leggi anti clochard sono estremamente limitative della libertà personale dei cittadini: infatti io voglio essere libero di regalare a chi voglio i miei soldi, a cominciare dai clochard. Ora è evidente che queste leggi così disumane non hanno lo scopo nè di tutelare un supposto decoro, perchè in tal caso bisognerebbe dare risposte di carattere sociale e non punitivo, nè a rimpolpare le esangue casse comunali dissanguate da consulenze d’oro e sprechi vari per il semplice motivo per la maggior parte dei clochard non potranno pagare la multa, nemmeno se viene sequestrata loro la questua ( a proposito: sarebbe interessante sapere come saranno impiegati questi soldi ).

Allora qual’è il vero motivo di questi provvedimenti ? Il vero motivo è che i comuni di cui sopra in realtà non considerano il vagabondaggio un problema di sicurezza o di decoro. Se così fosse, infatti, non ci sarebbero che due alternative: o prendersi cura seriamente dei clochard anche considerando che molti di loro soffrono di chiari disturbi mentali o , provocatoriamente, sterminarli fisicamente. Il vero motivo è un motivo cinicamente e disumanamente strumentale: si vuole fideizzare il voto dei buoni borghesucci conservatori amanti dell'”ordine” e della “disciplina” e mostrare i muscoli per ottenere il consenso di chi ha bisogno di sentirsi protetto ( non si capisce bene da cosa o da chi ) contro le orde dei barbari che assumono anche il volto dei clochard. Fare della propaganda politica col pretesto della “sicurezza” sulla pelle di poveri disgraziati è vomitevole.

E passiamo alla Chiesa. Diciamocelo francamente: la Chiesa non serve più a niente. La Chiesa ha il compito storico di parlare di trascendenza e tutelare i più indifesi. Ridiciamocelo francamente: ha fallito in entrambe le missioni. Di fronte alla decisione del sindaco di Como la Caritas ha espresso la sua “perplessità”. Invece di indignarsi vivacemente e denunciare il progressivo cinismo e spietatezza tipici del capitalismo la Caritas persegue una strategia di bassissimo profilo ( praticamente raso terra ) parlando genericamente e vilmente di “perplessità”. Il motivo ? Anche qui è abbastanza semplice: la Caritas evidentemente non vuole indignarsi troppo per non alienarsi il favore dei soliti buoni e gretti borghesucci con dichiarazioni troppo di sinistra. La Chiesa inoltre è sempre solerte e sollecita nel reprimere immediatamente qualsiasi esperimento da parte di cattolici avanzati ( vedi teologia della liberazione ) volti a favore dei poveri ma in compenso è lentissima, e anzi immobile, nel denunciare le storture del capitalismo. Sul fronte della comunicazione della fede nella trascendenza risulta da una recente indagine condotta da Massimo Cacciari che solo 20% dei cattolici crede nell’eternità e, fra questi, solo il 4% crede nella resurrezione della carne. In pratica il 96% dei supposti cattolici non lo sono affatto. Aggiungiamoci che i seminari sono vuoti, che non esiste più un partito dichiaratamente cattolico, che le encicliche papali, vescovili e cardinalizie non le legge più nessuno e avremo la misura del fallimento totale della Chiesa. La Chiesa sopravvive solo perchè, per ora, il capitale ha ancora bisogno di lei per assestarsi definitivamente. Dopo ciò, vale a dire molto presto, non saprà più cosa farsene della gerarchia vaticana la quale verrà ridotta, nella coscienza delle masse, come sta già avvenendo, in un entità poco più che folkloristica.

E restiamo sempre in attesa, molto probabilmente vana, che qualche gerarca o teologo vaticano si decida a dire qualcosa di chiaro sul dramma del precariato: non lo faranno perchè condannare il lavoro precario significa condannare il sistema che l’ha prodotto, cioè mettersi contro i potenti. La Chiesa poteva scegliere le masse popolari per svolgere le sue missioni o scegliere l’alleanza coi potenti per sopravvivere rallentando il più possibile l’estinzione. Ha scelto quest’ultima soluzione ed è in rapido declino.

355 Visite totali, nessuna visita odierna

Il partito dei soldi

Nell’ ultimo commento al precedente articolo si paventa  “la formazione del partito unico di matrice capitalistica – massonica”.
Io credo che non sia un’ ipotesi inverosimile: se pensiamo a quanto è avvenuto in Italia  negli ultimi vent’anni, all’arretramento delle condizioni di vita della classe lavoratrice, cui ha corrisposto l’aumento esponenziale dei profitti per le aziende ed i padroni, alla trasformazione del PCI nel PD (frutto dell’ unione di DS e Margherita), ai programmi ed alle politiche di PDL e PD, fotocopie uno dell’altro, a quanto proclama e fa Berlusconi, a quanto tace e non fa Veltroni.
Sì, io credo che il partito unico ci sia già, ha un leader manifesto, Berlusconi. ed uno ombra, come il suo governo, Veltroni, ed ha un nome, PDS: Partito dei soldi!

267 Visite totali, nessuna visita odierna

Il 4 Novembre giorno di lutto. Parola di soldato di Lisa Clark

E così il ministro La Russa vuole portare i militari nelle scuole per parlare del 4 novembre, nel 90mo anniversario della fine di quella «Inutile strage» (come la definì Papa Benedetto XV)! E la ministra Gelmini sembra d’accordo.
Potrebbe diventare una straordinaria lezione di letteratura e di storia: mi piacerebbe leggere ai ragazzi i versi di Wilfred Owen: «l’eterna menzogna dulce et decorum est pro patria mori», scritti nelle trincee di quella guerra, dove fu ucciso proprio il 4 novembre 1918. O quelli di Siegfried Sassoon: «I soldati sono cittadini della terra grigia della morte, non ritireranno mai i dividendi del futuro», oppure ancora, «I soldati sono sognatori: quando comincia il tuono dei cannoni, sognano il focolare di casa, un letto pulito, le carezze della moglie».
Da molti anni Peacelink ed altri persuasi della nonviolenza in Italia ci aiutano a ricordare che la prima guerra mondiale fu un orrendo massacro, che non va celebrato. Il 4 novembre dovrebbe essere un giorno di lutto e di memoria, ma anche una giornata di studio, per rafforzare il nostro impegno a realizzare finalmente le parole della Costituzione.
E tra le letture che la ministra potrebbe consigliare agli insegnanti, le suggerisco questa, di un soldato, semi-analfabeta, che morì in quel tremendo massacro:
«Maestà, inviamo a V.M. questa lettera per dirvi che finite questo macello inutile. Avete ben da dire voi, che e’ glorioso il morire per la Patria. E a noi sembra invece che siccome voi e i vostri porchi ministri che avete voluto la guerra che in prima linea potevate andarci voi e loro. Ma invece voi e i vostri mascalzoni ministri, restate indietro e ci mandate avanti noi poveri diavoli, con moglie e figli a casa, che ormai causa questa orribile guerra da voi voluta soffrono i poverini la fame! Vigliacchi, spudorati, Ubriaconi, Impestati, carnefici di carne umana, finitela che e’ tempo. Li volete uccidere tutti? Al fronte sono stanchi, nell’interno soffrono la fame, dunque cosa volete? Vergognatevi, ma non vedete che non vincete, ma volete che vadino avanti lo stesso per ucciderli. Non vedete quanta strage di giovani e di padri di famiglia avete fatto, e non siete ancora contenti? Andateci voi o vigliacchi col vostro corpo a difendere la vostra patria, e poi quando la vostra vita la vedete in pericolo, allora o porchi che siete tutti concluderete certamente la pace ad ogni costo. Noi per la patria abbiamo sofferto abbastanza, e infine la nostra patria è la nostra casa, è la nostra famiglia, le nostre mogli, i nostri bambini. Quando ci avete uccisi tutti siete contento di vedere centinaia di migliaia di bambini privo di padre? E perché? per un vostro ambizioso spudorato capriccio».
Ecco, questo è il soldato che potrebbe degnamente fare la miglior lezione ai nostri ragazzi, il 4 novembre prossimo. Grazie dell’idea, Ministri!

da Liberazione del 7 settembre 2008

287 Visite totali, nessuna visita odierna

Depenalizzazione del colpo di stato

Il 13 marzo 2006 sono stati modificati vari articoli del Codice Penale riguardanti gli attentati allo Stato. Di sicuro il paese sentiva un gran bisogno di queste modifiche. La più interessante è quella dell’articolo 283 del codice penale. Così recitava:
"Chiunque commette un fatto diretto a mutare la costituzione dello Stato, o la forma del Governo, con mezzi non consentiti dall’ordinamento costituzionale dello Stato, è punito con la reclusione non inferiore a dodici anni."
E’ stato modificato in: "Chiunque, con atti violenti, commette un fatto diretto e idoneo a mutare la Costituzione dello Stato o la forma di governo, è punito con la reclusione non inferiore a cinque anni»."
Con atti violenti, non attraverso il partito di cui è padrone o corrompendo parlamentari attraverso le loro amanti. Preparati al Golpe, ma non temere se non ci saranno "atti violenti", sarà perfettamente "legale"!  Per pura coincidenza ricordo che l’articolo 283 è quello che fece processare la P2.

da Il cannocchiale/Diritto di Resistenza del 25 agosto 2008

602 Visite totali, nessuna visita odierna