Per uscire dalla crisi: reddito sganciato dal lavoro di Franco Bifo Berardi

Milioni di donne e di uomini scioperano sotto la pioggia. Ma per cosa? Qual è l’obiettivo dello sciopero generale organizzato dalla Cgil? Manca per il momento una indicazione capace di unificare precari, disoccupati, lavoratori più o meno garantiti, lavoratori pubblici e privati.
Nel frattempo il Senato americano ha bocciato il finanziamento statale destinato a salvare le grandi aziende dell’auto. Il settore automobilistico crolla in tutto il mondo, anche in Cina, dove le vendite sono cadute del 16% nel mese di novembre. La decisione dei senatori americani è dettata dal cinismo liberista, ma non è detto che sia sbagliata. Forse adesso cominceremo a renderci conto del fatto che non c’è nessuna possibilità di restaurare il sistema industriale. Il capitalismo industriale è defunto, con tutte le sue regole. Purtroppo rischia di portare nella tomba la civiltà sociale costruita negli ultimi cent’anni, e rischia di distruggere la vita di milioni di lavoratori, spinti nella miseria e nella disoccupazione.
Come salvare la società dal cataclisma provocato dal crollo del capitalismo industriale?
Negli ultimi decenni il salario si è ridotto dovunque.
La quantità di lavoro erogata e l’intensità del lavoro sono aumentate enormemente.
I profitti si sono moltiplicati.
Ora è necessario porre il problema della redistribuzione del reddito, della redistribuzione del tempo di lavoro. Abolizione degli straordinari, riduzione della giornata lavorativa, reddito di cittadinanza sganciato dal tempo di lavoro.
Non vi è salvezza se non in questa direzione. La forma-salario non ha più ragione di essere, è finito il tempo in cui il diritto alla vita poteva essere legato al tempo di lavoro prestato.
E’ giunto il momento di lanciare una campagna europea per il reddito di cittadinanza. Di questo hanno bisogno i lavoratori, di questo ha bisogno la società se non vogliamo sprofondare nella barbarie. Questo e soltanto questo può essere il terreno su cui si ricostituisce un fronte del lavoro, un fronte dell’autonomia sociale, un fronte del progresso e della libertà.
Non ha diritto di esistere una sinistra che non abbia una parola decisiva da dire in questo frangente. E la parola decisiva, oggi, non è altro che questa: reddito di cittadinanza, redistribuzione del tempo di lavoro.
Reddito di cittadinanza non è una formula nuova. In varie maniere se ne è parlato fino dagli anni 60, e alcuni stati europei hanno sperimentato negli anni forme di erogazione di reddito ai disoccupati.
Ma ora si tratta di compiere un salto, che prima di tutto è un salto culturale.
Non vi può più essere nessun rapporto diretto tra reddito e lavoro.
La frammentazione della giornata lavorativa sociale, la precarizzazione dei rapporti di lavoro hanno reso obsoleto il principio stesso del salario. Nell’epoca classica delle relazioni industriali il salario pagava la disponibilità di una persona a prestare il suo tempo a un imprenditore. Quella persona era portatrice di diritti, bisogni, forza contrattuale. Ma oggi non è più così: ora il sistema d’impresa paga frammenti di tempo separati dalla persona, frammenti di tempo precario e cellulare, e il committente non è più un imprenditore ma un’agenzia che fornisce lavoro a imprenditori diversi.
Sempre meno si può identificare il lavoratore come persona, perché esso diviene sempre più un pulviscolo di frammenti di tempo cellulare. In questo condizioni si determina una situazione di sottosalario che produce effetti di sottoconsumo, o piuttosto di sovrapproduzione. La debolezza dei salariati è diventato un problema per lo stesso capitale. Il capitalismo si è inceppato perché ha avuto mano libera al punto da distruggere le condizioni del consumo di massa, e quindi della sua propria riproduzione.
Perciò il reddito di cittadinanza diventa oggi un terreno di contrattazione realistica tra capitale e lavoro. Perciò il tema del reddito di cittadinanza esce dalla sfera dell’utopia per divenire oggetto della discussione economica ufficiale. Fin dai licenziamenti Fiat del 1980 i sindacati si opposero alla rivendicazione di reddito sganciato dal lavoro, perché, comprensibilmente, temevano che il reddito garantito potesse permettere agli industriali di licenziare masse di operai e di ristrutturare gli impianti in modo da attaccare la composizione del lavoro. Ma la battaglia in difesa dell’occupazione è stata persa in maniera sistematica: gli industriali hanno licenziato, il salario operaio si è immiserito, la ristrutturazione ha precarizzato il lavoro.
Si può accettare che ancora oggi, come negli anni 80, il sindacato si limiti a difendere l’occupazione in settori in cui l’occupazione non ha più ragione di esserci? Non sarebbe meglio far crescere l’idea che in certi settori non c’è più bisogno di lavoro, e dunque la giornata lavorativa deve complessivamente essere ridistribuita e ridotta? Non sarebbe forse meglio far crescere la consapevolezza del fatto che il reddito va separato dal lavoro?
Non si tratta di ammortizzatori, come si dice in giro. Qua non c’è niente da ammortizzare.
Il tempo di vita dei lavoratori è stato spremuto per tre decenni, ora è necessario ridistribuire il reddito attraverso l’imposizione fiscale. Si tratta di garantire reddito a ogni cittadino e cittadina che abbia compiuto diciotto anni di età. Al tempo stesso è necessario modificare il sistema delle attese sociali, ridimensionare le attese di consumo, de-privatizzare il consumo, creare strutture di consumo collettivo. Il mondo che ci attende può essere un mondo povero e miserabile e aggressivo, ma potrebbe essere invece un mondo ricco allegro e creativo. Dipende da come predisponiamo il sistema delle attese, dipende dalla capacità di riattivare il circuito della solidarietà sociale. Dipende dalla nostra disponibilità a rinunciare al pregiudizio della crescita e del consumo crescente. Dipende dalla nostra capacità di intendere la ricchezza secondo criteri diversi da quelli proprietari

da Liberazione del 15 dicembre 2008

623 Visite totali, 1 visite odierne

4 thoughts on “Per uscire dalla crisi: reddito sganciato dal lavoro di Franco Bifo Berardi

  1. E’ evidente che non si può che essere d’accordo. Mancano due aspetti importanti:
    1) Come costringere il potere in tutte le sue espressioni (imprese, stato) a fare scelte a noi favorevoli ma a loro sfavorevoli
    2) Come è possibile sostituirsi al capitalismo se non esiste un contropotere non dico rivoluzionario ma neppure realmente riformista
    Volendo seguire Bifo su quanto dice, anche se su alcuni aspetti è e sono piuttosto demagogico non perché non sono giusti, ma inattuali tenendo conto dei rapporti di forza:
    1) L’orario di lavoro deve essere abbassato per tutti (che fine hanno fatto le 35 ore (vedi anche la Francia)?
    2) Le pensioni devono essere portate per tutti a 60 anni senza alcuna deroga
    Ma viene subito da chiedersi:
    1) Come si obbligano le aziende ad assumere
    2) Come si supera l’attuale precarietà
    3) Se ad orario ridotto corrisponde un abbassamento del salario, non incentiviamo in questo modo e in par

  2. e in particolare in questo momento di crisi le aziende a diminuire i costi senza alcuna contropartita, oltre che i contributi pensionistici diminuiscono
    4) Come convinciamo tutti a non accettare più questo tipo di sviluppo e di consumi ed incentivandone uno nuovo (ancora da definire). Se parliamo di trasporti, beni comuni,nuove forme di energie rinnovabili il discorso è possibile e come inizio potrebbe andare bene. Ma cosa diciamo ai lavoratori ovvero dove tali lavoratori saranno riconvertiti perché potrebbero perdere il posto.
    5) Come recuperiamo soldi eliminando le spese militari e tutti i finanziamenti alle strutture private (chiesa, imprese, ecc)
    6) Come tutto questo si può rapportare quantomeno alle altre nazioni europee
    Un discorso a parte merita il reddito di cittadinanza
    1) Se guardiamo alcune proposte provenienti da una parte della sinistra extraparlamentare (dai 100 ai 1300 euro) c’è da chiedersi da dove si prendono

  3. i soldi. Dobbiamo tassare i profitti e le operazioni e rendite finanziarie.
    2) Dobbiamo indirizzare le persone che prendono tali redditi ad attività sociali
    3) Lo stato (questo?) deve tornare ad avere un ruolo imprenditoriale e regolatore
    4) Occorre individuare quali sono i nostri alleati in questa lotta senza demandare nulla alle istituzioni attuali (partiti, parlamenti vari, sindacati,ecc)
    5) Occorre essere vigili e sviluppare opportuni rapporti di forza per non rischiare svolte autoritarie e fasciste
    Mi sento di riportate un estratto da

  4. Per questo occorre che le persone influenti dei singoli gruppi, quelle che ne saranno le guide attraverso la crisi, abbiano un insieme di aspirazioni concordi, che le diriga, e alla cui attuazione tutti contribuiscsno, operando ciascuno per proprio conto secondo le disposizioni dell’ambiente locale.E questo programma non può essere improvvisato dalla sera alla mattina;deve essere il prodotto e la sintesi di esperienze,delusioni,speranze,illusioni, che siano in circolazione da un pezzo e abbiano già conquistato lo spirito degli oppositori. Una grande rivoluzione,insomma,è già matura nelle coscienze, quando si manifesta nei fatti, non è solo uno scatenamento di violenza;è soprattutto il risultato di un intenso sforzo di pensiero, di un vasto rinnovamento morale[

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *