Il filo rosso per decodificare l’informazione: le cinque regole della propaganda di guerra

Ad ogni guerra, colpo di stato, aggressione condotta dall’Occidente, i grandi media applicano cinque “regole della propaganda di guerra”. Usate voi stessi questa griglia di lettura durante i prossimi conflitti, sarete colpiti di ritrovarle ogni volta: 1. Nascondere la Storia. 2. Nascondere gli interessi economici. 3. Demonizzare l’avversario. 4. Discolpare i nostri governi e i loro protetti. 5. Monopolizzare l’informazione, escludere il vero dibattito.

Applicazione al caso dell’Honduras nel luglio 2009…

1. Nascondere la Storia. L’Honduras è l’esempio perfetto della “repubblica della banane” nelle mani statunitensi. Dipendenza e saccheggio coloniale hanno portato a un enorme abisso tra ricchi e poveri; secondo l’ONU, 77% della popolazione sarebbe povera. L’esercito honduregno è stato formato e guidato -fin nei peggiori crimini- dal Pentagono. L’ambasciatore statunitense John Negroponte (1981-1985) era soprannominato “il vicere dell’Honduras”.

2. Nascondere gli interessi economici. Oggi, le multinazionali statunitensi (banane Chiquita, caffè, petrolio, big pharma…) vogliono impedire a questo paese di ottenere l’indipendenza economica e politica. L’America del Sud si è unita e si dirige a sinistra, e Washington vuole impedire all’America Centrale di prendere la stessa strada.

3. Demonizzare l’avversario. I media hanno accusato il presidente Zelaya di volersi far rieleggere per preparare una dittatura. Silenzio sui progetti sociali: aumento del salario minimo, lotta all’ipersfruttamento nelle fabbriche-inferno delle ditte statunitensi, diminuzione dei prezzi dei medicinali, aiuto ai contadini oppressi. Silenzio sul suo rifiuto di coprire gli atti terroristici made in USA. Silenzio sull’impressionante resistenza popolare.

4. Discolpare i nostri governi e i loro protetti. Viene nascosto il finanziamento del golpe da parte della CIA. Obama è presentato come neutrale, quando in realtà rifiutava di incontrare e sostenere il presidente Zelaya. Se avesse applicato la legge e soppresso l’aiuto statunitense all’Honduras, il colpo di stato sarebbe stato fermato in fretta. Le Monde e gli altri media hanno discolpato la dittatura militare parlando di “conflitto tra poteri”. Le immagini di repressione cruenta non vengono mostrate al pubblico. Insomma, una contrapposizione sorprendente tra la demonizzazione dell’Iran e la discrezione sul colpo di stato in Honduras “made in CIA”.

5. Monopolizzare l’informazione, escludere il vero dibattito. La parola è riservata alle fonti e agli esperti “accettabili” per il sistema. Qualsiasi analisi critica sull’informazione è censurata. In questo modo, i nostri media impediscono un vero dibattito sul ruolo delle multinazionali, degli USA e dell’UE nel sottosviluppo dell’America Latina. In Honduras, i manifestanti gridano “TeleSur! TeleSur!” per salutare l’unica televisione che li informa correttamente.

Michel Collon
Fonte: /www.michelcollon.info
(6.07.2009)
Traduzione di MARINA GERENZANIi per www.comedonchisciotte.org

285 Visite totali, 1 visite odierne

One thought on “Il filo rosso per decodificare l’informazione: le cinque regole della propaganda di guerra

  1. Tutto vero ma aggiungerei l’elaborazione di un nuovo lingiaggio mediatico che puzza di ipocrisia lontano un chilometro: il termine “guerra” è sostituito da “azione difensiva preventiva”, “scontro a fuoco” da “situazione di ingaggio”, “massacro” da “danni collaterali”. Una nota su Obama: troppi “se” e troppi “ma” nei suoi primi mesi di presidenza. Aveva detto che avrebbe ritirato le truppe dall’Iraq e chiuso Guantanamo ora afferma che lo farà solo se i vertici militari saranno d’accordo: è come chiedere a un cuoco se vorrebbe fare a meno dei suoi ingredienti preferiti. Inoltre la moglie appare piuttosto frivola il che ha il suo peso dato che i grandi uomini o erano single o avevano al fianco una donna eccezionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *