Grazie Brunetta, grazie!

Grazie ministro, con le Sue dichiarazioni di inizio anno gli italiani hanno finalmente capito di essere stati presi per il culo per oltre sessant’anni: la Repubblica nata dalla Resistenza non è fondata sul lavoro, come recita l’articolo uno della Costituzione, ma sulla disoccupazione, sulla precarietà del lavoro, sulle pensioni da fame e sul malaffare, sulla connivenza cioè della politica ai più alti vertici dello Stato con mafia, ‘ndragheta e camorra. Grazie per averci ricordato che è necessario cambiarla, di averci fatto realizzare che questa è l’ Italia oggi e prendere atto a sessantacinque anni dalla fine della guerra di Liberazione, di dover ” ritornare in montagna”!

317 Visite totali, 1 visite odierne

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *