Wikileaks e la fuga di notizie

In queste ore il governo italiano teme la fuga di notizie presenti in rapporti segreti dell’amministrazione americana che saranno divulgate da Wikileaks.
Gli Stati Uniti, che devono per forza conoscere i contenuti, hanno avvertito l’Italia dei danni che deriveranno all’immagine internazionale del nostro Paese. Le rivelazioni devono essere molto gravi per sputtanare l’Italia più di adesso.
Attendiamo fiduciosi che dagli archivi si sappia che Fini è un uomo degli americani e De Benedetti pure, che Berlusconi ha stretto accordi anche personali con Putin e Gheddafi, che il Nigergate, con la bufala delle armi di distruzioni di massa in Iraq, fu un parto dei governi italiano e americano, che il coraggio della D’Addario, sola contro l’uomo più potente d’Italia, le venga da un protettore più potente di un semplice magnaccia, che il sostegno ai gasdotti russo South Stream e libico Greenstream costerà il posto a Berlusconi, che gli americani sanno in tempo reale, tramite i loro servizi, quello che avviene in Consiglio dei ministri, che la guerra in Iraq servì solo agli interessi petroliferi americani e dell’ENI, che la Seconda Repubblica è ormai finita e le potenze internazionali, con gli Stati Uniti in prima fila, stanno muovendo le loro pedine sullo scacchiere della penisola come fecero nel 1992, che le mafie saranno ripagate per l’eventuale lavoro sporco, che la massoneria sta scegliendo i sempreverdi uomini nuovi.
Insomma, le solite cose di pessimo gusto che vanno in onda in questo disgraziato Paese da quando ha perso la sovranità nazionale con la sconfitta nella Seconda Guerra Mondiale.
Qualcosa però è cambiato dal 1945.
La verità si può diffondere contro la volontà dei governi.
Chi è in possesso dei documenti riservati relativi all’attentato a Falcone all’Addaura, alla strage di Capaci, alla strage di via D’Amelio, alla strage di piazza Fontana, alla strage dei Georgofili, alla strage di Bologna, all’assassino di Aldo Moro, di Enrico Mattei, alla strage di Ustica, all’esplosione della nave Moby Prince, all’omicidio del generale Dalla Chiesa, di Pier Paolo Pasolini, alla strage di piazza della Loggia, alla strage dell’Italicus e alle altre mille stragi e omicidi di Stato del dopoguerra (o forse è meglio dire di Stati perché è impossibile che parte dello Stato italiano (quello chiamato deviato…) abbia potuto fare tutto da solo con l’aiuto esterno del terrorismo e delle mafie), ecco chi ha questi documenti li invii a Wikileaks, l’organizzazione internazionale che pubblica in Rete documenti coperti da segreto.
Non è necessario aspettare D’Alema (hai voglia), presidente del Copasir, o l’apertura post mortem della gobba di Andreotti, "la scatola nera", per sapere la verità sulla scia di sangue che ha tenuto in piedi la nostra Repubblica, una guerra civile non dichiarata con migliaia di morti, quasi tutti da una parte sola, quella dei perdenti e della giustizia.
Wikileaks ha i propri server in Belgio e Svezia (due Paesi che proteggono l’anonimità degli informatori e con leggi che impediscono la chiusura del sito) e verifica l’attendibilità dei documenti prima di metterli in Rete. Contatterò Julian Assange di Wikileaks per avvertirlo di questo post.
Istruzioni per inviare i documenti a Wikileaks.

da www.beppegrillo.it   27 novembre 2010    

319 Visite totali, 1 visite odierne

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *