La mia prima vittoria senza se e senza ma (e-mail del compagno Dario)

Non riesco a dormire.
E’ la prima volta in 27 anni che partecipo a una vittoria così bella. Senza mediazioni, senza retrogusto amaro, senza Tabacci (a cui però roderà un pò avendo votato no). La maggioranza degli italiani ha detto si all’acqua pubblica, allo stop al nucleare e alla legge uguale per tutti. Dopo 15 anni si raggiunge il quorum, segno che gli italiani sono molto più avanti di chi ci governa. Per la prima volta ho visto ripagato tutto l’impegno profuso da migliaia di attivisti che si sono spesi in questi anni. I manifesti attaccati sporcandosi i sandali, i volantini dati quando stai ancora dormendo, le riunioni fatte a volte con poche persone, le tante asciugate fatte sull’importanza di votare, le mail, i post su facebook, gli sms… hanno avuto finalmente il risultato sperato. Quando oggi in piazza ho abbracciato Emilio Molinari, che tra i primi ha capito l’importanza dell’acqua come bene comune, ho sentito che questa è una vittoria storica, costruita in anni di lavoro e di egemonia culturale sul fatto che il pubblico può (e deve) essere meglio del privato.
Ho ripensato a tutti quelli che ho visto impegnarsi, chi da anni, chi da poche settimane, ma con lo stesso entusiasmo. A mia nonna che è tornata dalla Romagna per votare, ai tanti nonni che domenica mattina sono venuti a votare non tanto per loro, ma per il futuro di questo paese. Ho ripensato all’Honduras, dove sono stato per una carovana sul diritto all’acqua, in cui la partecipazione su questo tema era intensissima, e io mi chiedevo se mai ci sarebbe stata qui in Italia. E oggi ho avuto la risposta: c’è stata, ieri e oggi, e ci potrà essere anche in futuro, se sapremo tenere viva questa immensa energia e voglia di cambiamento che sta soffiando nel nostro paese.
E adesso posso andare a dormire.

317 Visite totali, 2 visite odierne

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *