Camila Vallejo denuncia la manipolazione internazionale contro il Venezuela

La deputata eletta al Congresso cileno ritiene che sia doveroso difendere il progetto bolivariano avviato nel 1999 dal Comandante Hugo Chávez per garantire la crescita sociale egualitaria in tutti i paesi della regione.

La deputata cilena ed ex leader studentesco, Camila Vallejo, ha rilasciato un’intervista esclusiva a Telesur discutendo delle notizie sul Venezuela e la violenza dei gruppi di opposizione estremisti nella capitale di quel paese e in gli altri luoghi.

«Qui in Cile ogni studente, persona o lavoratore vuole essere informato attraverso i media e ciò che viene mostrato è una guerra civile, come se si stessero violando i diritti umani», ha detto la deputata eletta al Congresso, Camila Vallejo sulla distorsione delle informazioni dei media internazionali.

«C’è un’alleanza tra la destra latino-americana con il governo statunitense e i media mainstream per mostrare ciò che non è», ha detto Vallejo, la quale ritiene che la situazione dovrebbe essere studiata per identificare lo sfondo nascosto di ciascuno dei fattori degli interessi in gioco negli scenari violenti.

«Risulta necessario difendere il processo bolivariano, perché in America Latina ha dimostrato che è possibile che il popolo detenga le risorse naturali facendo crescere l’uguaglianza; è importante difenderlo in questo contesto di destabilizzazione politica che favorisce solo interessi ristretti e gruppi economici».

A proposito del suo ruolo come leader studentesco ha affermato che «ero anche parte di un movimento studentesco che ha sollevato una fiera recriminazione, recuperare il diritto universale che deve garantire lo Stato in quanto gratuito e con una educazione inclusiva».

A sua volta il movimento studentesco cileno contrasta con le richieste dei manifestanti venezuelani: «Sono stati mobilitati perché quello che considerano è la mancanza di sicurezza che suona in contraddizione con le azioni del movimento, come vanno nelle piazze in maniera violenta».

«Quello che sta accadendo in Venezuela è permeato da interessi stranieri per giocare su questo movimento a favore del tentativo di colpo di Stato degli Stati Uniti e della destra venezuelana», ha sottolineato il ruolo della comunità internazionale presente in quella nazione, che è stato influenzato con informazioni distorte dai media.

«L’opposizione è legittima e parte necessaria di qualsiasi democrazia, che le persone possano manifestare pacificamente, ma si deve rispettare il processo democratico che deriva da un processo elettorale» ha evidenziato Vallejo, che ha invitato a canalizzare l’eventuale malcontento popolare che sorge in risposta ai reazionari, attraverso i canali appropriati.

La deputata sostiene la necessità del dialogo tra i diversi settori politici del Venezuela e appoggia l’appello del presidente Maduro per «proteggere il processo e chiudendo la strada a qualsiasi tentativo di colpo di Stato».

[Trad. dal catigliano per ALBAinformazione di Ciro Brescia]

da ALBAINFORMAZIONE
01.03.2014

265 Visite totali, 1 visite odierne

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *