L’UE boccia la Fornero: l’ austerità crea problemi (di Antonio Signorini)

A sorpresa il report di Bruxelles sulle pensioni dà ragione a chi vuole ammorbidire le riforme.

Roma – C’è l’allarme sulla sostenibilità del sistema pensionistico italiano, anche se meno marcato rispetto alle previsioni.
Ma nell’atteso Pensions Adequacy Report 2018 della Commissione europea c’è anche altro. Sull’Italia, ad esempio, ci sono considerazioni che non stonerebbero tra le tesi di chi vuole cambiare certe asperità delle riforme passate. In particolare quella Fornero e l’adeguamento automatico dell’età pensionabile legato alle aspettative di vita. E arriva addirittura l’invito ad «affrontare gli effetti collaterali negativi delle riforme pensionistiche all’insegna dell’austerità».
Il rapporto critica le pensioni italiane perché costano tanto, ma non risolvono problemi di fondo, ad esempio il rischio pensioni inadeguate per i lavoratori precari, le lavoratrici e chi ha carriere discontinue.
Il rapporto osserva come «l’inasprimento estremamente rapido dei requisiti per la pensione» delle riforme adottate tra il 2009 e il 2011 hanno provocato un effetto «anziani dentro, giovani fuori», con «un milione di lavoratori anziani» tra i 50 e i 64 anni in più, e una contemporanea «riduzione di giovani lavoratori di 0,9 milioni» tra i 15 e i 34 anni, tra il 2008 e il 2013.
Meno giovani occupati, più anziani occupati ma, paradossalmente, anche un maggior numero di over 50 disoccupati passati da 130 mila a 500 mila. Sono lavoratori che in altre ere sarebbero stati pensionati e ora non hanno accesso né all’assegno Inps né al lavoro.
Per questo l’esecutivo europeo chiede misure per «migliorare la capacità di assorbimento del mercato del lavoro italiano».
La Commissione riconosce al governo Renzi di avere introdotto alcune misure per ammorbidire i requisiti della pensione, spendendo 6 miliardi in tre anni. Ad esempio l’Ape sociale. Peccato che «i requisiti di ammissioni troppo rigidi» rischiano di fare respingere una percentuale di richieste di pensione anticipata intorno al 35% (13.000 su 39,777).
In generale, il sistema italiano «svolge efficacemente la funzione di mantenimento del reddito». Quindi le pensioni in rapporto agli ultimi stipendi sono alte, anche se quelle delle donne sono ancora più basse.
Poi, il sistema non protegge dalla povertà. «Anche se in Italia gli anziani sono relativamente in condizioni migliori rispetto ai giovani», siamo ancora «sotto la media europea per tasso di deprivazione materiale degli ultra 65 enni». Situazione che è peggiorata con la crisi del 2008. «Gli anziani a rischio di povertà ed esclusione sociale erano il 23,9% contro il 18,3% nella Ue».
Diventa un problema anche quella che era stata presentata come la soluzione ai vizi storici della previdenza italiana. Per la Commissione, «il notevole e rapido aumento dell’età pensionabile dal 2010 ha fatto emergere problemi sia sulla durata del pensionamento sia sull’interazione tra durata attesa della vita lavorativa e la performance del mercato del lavoro oltreché dello sviluppo dei servizi». In sintesi, la stretta sulle pensioni che ha salvato i conti pubblici ha creato tanti problemi agli italiani.
Sul versante della tenuta del sistema, l’allarme che si temeva alla vigilia è molto ridimensionato. La spesa pubblica per le pensioni resterà stabile al 15,6% del Pil fino al 2020. Aumenterà molto dal 2020 al 2040, con il pensionamento dei baby boomers. Ma dopo riscenderà al 13,9% del Pil.

www.ilgiornale.it                                                          01/05/2018

49 Visite totali, nessuna visita odierna

Discriminazioni e lavoro, gli italiani tristemente primi in Europa

Poco meno della metà degli italiani ha dichiarato di aver subito discriminazioni sul posto di lavoro
(Teleborsa) – Triste primato per gli italiani, che a confronto con i fratelli europei si sentono primi nella discriminazione sul posto di lavoro. Un lavoratore europeo su tre (34%) si è sentito discriminato per qualche motivo sul posto di lavoro: l’Italia è in testa con il 42%. Il 37% in Francia, Spagna e Regno Unito, mentre i Paesi Bassi hanno l’incidenza più bassa al 21%.
Secondo i dati diffusi da ADP, leader internazionale nell’human capital management, che ha rilasciato i dati della ricerca WorkForce Europe 2018 condotta su oltre 10.000 lavoratori nel continente di cui 1300 italiani, poco meno della metà degli italiani ha dichiarato di aver subito discriminazioni sul posto di lavoro (il 37,8% degli uomini e il 47,4% delle donne).
Tra le motivazioni principali l’età per il 19,3% dei lavoratori over 55. Il 22% dei lavoratori tra i 45 e 54 vede l’età come prima motivazione di ostacolo alla carriera, una percentuale molto alta se si considera la tarda età in cui oggi giorno ci si approccia al mercato del lavoro.
Seguono le discriminazioni legate al sesso per il 9,8% – 6,3% per gli uomini e 14,2% per le donne – percentuale bassa in media ma che ha picchi in alcuni business come nel settore dei servizi Finanziario dove tale discriminazione di genere sale a 19%, background (9,7%), istruzione (6,8), nazionalità (3,4%), religione (4,4%), aspetto fisico (4,4%), sessualità (2,7%).

Articolo di Teleborsa, 5 marzo 2018
Link: https://www.teleborsa.it/News/2018/03/02/discriminazioni-e-lavoro-gli-italiani-tristemente-primi-in-europa-125.html#.Wp05-DGWzcv

dalla Newsletter
Atdal Over 40 Centro–Nord / ALP Over40 Piemonte
Anno XVI – Nr. 03 del 13 marzo 2018

76 Visite totali, nessuna visita odierna

L’ Americanizzazione della salute

Enti e associazioni lanciano un allarme per una sanità nazionale sempre più al collasso. Ecco i motivi, privati, di una scelta pubblica scellerata
«Ci siamo illusi che la gente si rassegnasse a un welfare smontato a piccole dosi, un ticket in più, un asilo in meno, una coda più lunga… Ma alla fine la mancanza di tutele nel bisogno scatena un fortissimo senso di ingiustizia e paura che porta verso forze capaci di predicare un generico cambiamento radicale». Così Romano Prodi rispondeva quasi un anno fa in un’intervista su Repubblica. Un’indiretta ammissione di colpa di una classe politica che, per scelte thatcheriane, ha tagliato e continua a tagliare i fondi di un servizio essenziale come quello sanitario, che oggi sta trasformandosi sempre più in privato.
Ma vediamo qualche dato. Secondo la Federazione italiana dei medici di medicina generale già nei prossimi 5 anni 14 milioni di cittadini potrebbero rimanere senza medico di famiglia. Motivo? Andranno in pensione più di 45mila dottori del Servizio sanitario nazionale (SSN) senza che sia stata definita una politica di assunzioni per controbilanciare il “buco”. Ancora, secondo dati Censis, nel 2017 sono stati 12 i milioni di italiani che hanno rinunciato alle cure per mancanza di risorse economiche, quelle stesse cure che – è bene ricordarlo – dovrebbero essere garantite a tutti di dalla nostra Costituzione (art. 32). Secondo lo stesso rapporto, allo Stato italiano mancherebbero almeno 30 miliardi per garantire gli standard assistenziali pubblici.
Riassumendo: lo Stato concede sempre meno fondi al servizio sanitario pubblico e gli italiani avendo sempre meno soldi – per politiche di austerità (aumento tassazione, taglio investimenti e incentivi a lavoro e occupazione) – rinunciano a quella salute che, come cantava Nino Manfredi, quando c’è, c’è tutto. Dall’altra parte, chi ancora può permettersele in caso di necessità si avvale di formule di “sanità integrativa”, ossia banalmente privata, tanto che se nel 2009 erano 9 milioni gli italiani che avevano un’assicurazione sanitaria integrativa, nel 2017 sono cresciuti fino a 14 milioni, e nel 2025 potrebbero arrivare – stipendi permettendo – a 21 milioni.

Articolo di Guido Rossi, 16 febbraio 2018
Link: http://www.lintellettualedissidente.it/economia/salute-sanita-pubblica/

dalla Newsletter
Atdal Over 40 Centro–Nord / ALP Over40 Piemonte
Anno XVI – Nr. 03 del 13 marzo 2018

73 Visite totali, nessuna visita odierna

L’ emorragia dei medici

Negli ultimi 5 anni: Medici di Base e del Servizio Sanitario Nazionale: – 45.000
Negli ultimi 10 anni: Medici di Base e del Servizio Sanitario Nazionale: – 80.676
Medici di Base: Nuovi Medici: 11.000 Medici andati in pensione: 33.392 Saldo: – 22.392
Le Regioni più in crisi: Lombardia, Lazio, Campania e Sicilia
Fonti: FIMMG e ANAAO
Ad ogni modo, il messaggio che viene spesso fatto passare dai principali media nazionali e da taluni politici è, troppo spesso, che la sanità pubblica è sempre meno efficiente (servizi di bassa qualità, lunghe attese, eccetera), che “spreca troppo” ed è mal gestita, pertanto non resta che ricorrere al privato. Eppure il concetto è banale: se a una macchina (sanità) togli la benzina (soldi) e a un certo punto finisce, non significa che è rotta, ma che deve andare dal benzinaio (Stato). Attenzione però, qui non si vuole demonizzare la sanità privata di per sé, quanto piuttosto la spinta di forze esterne nel voler portare la sanità pubblica verso forme sempre più privatistiche, ossia imprenditoriali e che non tutti si possono permettere.
Qualcuno forse si sta chiedendo se un governo, qualora volesse invertire questa tendenza e dunque aumentare il sostegno alla sanità pubblica, ne avrebbe il potere. La risposta è no, o almeno, non se l’Italia rimane nell’Unione europea. Per capire il perché è necessario tornare ancora una volta – molto velocemente – agli accordi internazionali di libero scambio.
Il nostro paese aderisce all’Organizzazione Mondiale del Commercio (World Trade Organization, WTO), creata con l’unico scopo di liberalizzare completamente beni e servizi in tutto il globo. Per far questo, tra i suoi accordi dispone il Technical barriers to trade (TbT), volto a eliminare qualsiasi restrizione al commercio internazionale, inclusa la sanità. Se infatti da una parte l’accordo nelle sue premesse riconosce il diritto per un Paese di adottare tutte le misure necessarie ad assicurare la tutela della salute, dall’altra queste non devono costituire un mezzo di discriminazione arbitraria o ingiustificata tra Paesi ossia appunto delle restrizioni dissimulate al commercio. Non solo, per poter adottare misure “protettive” bisogna fornire dati tecnici e scientifici, e a decidere se un’esigenza possa considerarsi tale, esiste un comitato apposito. Questo comitato, secondo il funzionamento del Wto, non è composto dai rappresentanti di ogni Paese, ma da chi ha il curriculum e la preparazione tecnica. Pertanto può darsi che ad esempio un finnico prenda una decisione per l’Italia, pur non essendoci mai stato. Senza contare che questi comitati lavorano a porte chiuse.
Come se non bastasse, lo stesso accordo è inglobato all’interno di un altro accordo internazionale di libero scambio, il CETA (tra Ue e Canada, in vigore in via provvisoria dal 21 settembre 2017), che vuole assolutamente garantire “che le misure sanitarie e fitosanitarie adottate dalle parti – gli Stati – non creino ostacoli ingiustificati agli scambi”. Insomma, caro Stato non “disturbare” il profitto con le tue ipocondrie. Tutto questo perché? Perché gli italiani solo nell’ultimo anno hanno speso circa 35 miliardi in sanità privata, e sono quasi 5mila le imprese che operano nel settore medicale, e le multinazionali che operano sul nostro territorio sono straniere per il 60%.
Ma non è finita qui. Senza scendere in ulteriori e noiosi dettagli, basti sapere che questi accordi mirano alla cosiddetta “armonizzazione” che, detto in soldoni, significa “livellare” le varie normative nazionali per rendere le misure sanitarie e di controllo al minimo. Ecco allora che tutti i nodi vengono al pettine: esiste infatti una differenza rilevante tra la legislazione americana, che prevede l’introduzione di misure protettive (come il ritiro dal mercato di un prodotto considerato dannoso) solo a fronte di evidenze scientifiche certe (il che accade assai raramente), e quella europea incentrata sulla “prevenzione” e che dunque, per semplificare brutalmente, blocca un prodotto quando vi è anche solo il più lontano dubbio che possa essere rischioso. America, la stessa dove se non hai un’assicurazione o paghi profumatamente o non puoi curarti neppure un’unghia incarnita. Lo stesso non-modello in cui, fin troppo velocemente, ci stiamo trasformando.

dalla Newsletter
Atdal Over 40 Centro–Nord / ALP Over40 Piemonte
Anno XVI – Nr. 03 del 13 marzo 2018

77 Visite totali, nessuna visita odierna

In dieci anni si è allargata a macchia d’olio: povertà in Italia cresciuta del 141%

La Repubblica, 13/12/2016, estratti dall’articolo di Michela Scacchioli.

Nell’indigenza assoluta oggi in 4,6 milioni: quasi l’8% della popolazione. Nel 2005 erano meno della metà. Quando il lavoro non basta: tra le famiglie operaie il tasso di immiserimento è salito dal 3,9 all’11,7 per cento. In Europa noi tra i peggiori. A rimetterci i nuclei giovani e numerosi. Quasi raddoppiati i bimbi under 6 con gravi privazioni materiali. Spesa in protezione sociale: quinti in Ue ma welfare non basta. ROMA – Si è allargata a macchia d’olio. Ha finito col mettere in ginocchio intere famiglie. Ha snervato e fiaccato i giovani. Ed è più che raddoppiata nell’arco degli ultimi dieci anni. Un balzo drammatico, da capogiro: più 141 per cento. Il suo nome è povertà. Una realtà messa in luce – con tutta l’evidenza possibile – dagli esiti del referendum costituzionale del 4 dicembre scorso.   Welfare e disuguaglianze sociali in Italia Oggi, infatti, 4,6 milioni di persone vivono nell’indigenza assoluta: quasi l’8% della popolazione residente in Italia. Basti pensare che erano poco meno di 2 milioni nel 2005 (il 3,3% del totale). Un incremento che non ha risparmiato nessun’area della penisola: al nord il numero dei bisognosi è addirittura triplicato. Qualche numero? Sempre nel 2005 i poveri erano 588mila al nord e poco più di un milione al sud mentre adesso sono rispettivamente 1,8 e 2 milioni circa. Continue reading

341 Visite totali, nessuna visita odierna